Fantastico Peru'

i
PARTENZE
dal 18.10.2018
al 29.10.2018
3370,00 €
DETTAGLIO QUOTA +

QUOTA    di partecipazione   € 3.370,00

-minimo 18 partecipanti-

 

Supplemento singola        €  450,00

Tasse aeroportuali           €  100,00 (quota indicativa soggetta a variazioni)

 

La quota comprende: voli intercontinentali a/r con Iberia; due voli interni come da programma; i tutti i trasferimenti in pullman per svolgere il programma (anche di linea); treno (per/da Machu Picchu-expedition); sistemazione in hotel di categoria turisca/superior (paragonabili alle nostre 3 e 4 stelle)  in camere con servizi privati; trattamento di pensione completa come da programma (alcuni pasti esclusi); trasferimenti da e per gli aeroporti (e/o stazioni o porti); il programma di visite indicato con guide locali parlanti italiano; accompagnatore dall’Italia; spese di gestione pratica comprensive di assicurazione sanitaria e contro annullamento, obbligatorie e non rimborsabili (€ 100,00 - non rimborsabili).

La quota non comprende:  i pranzi liberi (3 durante il tour) e le bevande;  mance e le spese a carattere personale; le tasse aeroportuali; tutto quanto non incluso alla voce "La quota comprende".

 

 

N.B.:

-  l’ordine delle visite potrebbe subire variazioni

- Quota calcolata sul cambio 1 USD = 0,88 EUR.  Eventuale oscillazione del cambio tra Euro e Dollaro Americano comporterà aumento proporzionale dalla quota.

 

 

 

Operativi voli

 

18 OTT   BOLOGNA/MADRID  0700 0925  

18 OTT   MADRID/LIMA         1320 1800  

24 OTT   ARECHIPA/CUZCO   0845 0945  

28 OTT   CUZCO/LIMA           1420 1545              

28 OTT   LIMA/MADRID         1945 1420 del 29/10

29 OTT   MADRID/BOLOGNA  1600 1815

 

  DOCUMENTO

Passaporto con validità residua di almeno 6 mesi dalla data del ritorno in Italia

  

Iscrizioni con acconto di € 600,00 entro il 30 giugno

Secondo acconto di € 600,00 entro 10 agosto   

Saldo entro il 10 settembre

POSSIBILITA’ DI ISCRIZIONE ANCHE   TRAMITE BONIFICO BANCARIO INDICANDO COGNOME, NOME E  VIAGGIO    -    IBAN  CA RI CE:  IT 65 G 06115 02400 000000001951 

 

 

PROGRAMMA VIAGGIO
1° g. giovedì 18 ottobre - Italia/Lima
+

Partenza da Bologna con voli di linea Iberia per Lima via Madrid. Arrivo a Lima e disbrigo delle formalità doganali. Trasferimento in Hotel. Cena e pernottamento.

2° g. venerdì 19 ottobre - Lima
+

Mattinata dedicata alla visita di Lima, adagiata in modo disordinato ai margini del deserto costiero, città affascinante e di grandi contrasti. Fondata da Francisco Pizarro il 6 Gennaio 1535, venne chiamata la "città dei Re". Ebbe una crescita molto rapida e all'inizio dell'epoca coloniale era senza dubbio il centro più ricco e importante del continente. La situazione cambiò rapidamente quando un terribile terremoto la distrusse quasi totalmente nel 1746. La visita inizia con il centro storico, in particolare la Plaza de Armas, fiancheggiata dagli edifici più importanti dell'epoca coloniale, l'austera Cattedrale con la tomba del "conquistador" Francisco Pizzarro, il convento di Santo Domingo, dichiarato patrimonio culturale dell'umanità, che conserva i resti dei santi patroni di Lima. Pranzo. A seguire visita del Museo Archeologico, considerato uno dei musei più completi di tutto il Perù per la raccolta di tessuti, metalli, ceramiche, offerte funerarie delle varie epoche Moche, Chimù, Wari, Lambayeque, Nazca ed Inca. Ritorno in Hotel. Cena e pernottamento.

3° g. sabato 20 ottobre - Lima/Paracas/Nazca
+

Partenza in direzione sud alla volta della Riserva Nazionale di Paracas, attraversando il più grande paesaggio desertico peruviano, caratterizzato da gigantesche dune di sabbia. All’arrivo imbarco sul battello e partenza per la visita delle Isole Ballestas, dette anche "le Galapagos del Perù" (condizioni climatiche e del mare permettendo) a circa 10 miglia dalla costa, che si raggiungono con un'ora di barca da Paracas. Durante la navigazione si potrà ammirare il grandioso Candelabro, scavato in un'enorme duna di sabbia. Le Isole Ballestas, fanno parte dell'arcipelago delle isole "Chincha" o "isole dei guaneros", nome che indica sia gli uccelli che vi depositano tonnellate del prezioso fertilizzante, sia i lavoratori addetti alla raccolta. Per il guano, già usato dagli Incas per fertilizzare i loro campi, in Perù e in Cile sono state combattute vere e proprie guerre economiche, commerciali e militari, perchè per molti anni è stato una vera e propria ricchezza nazionale contesa dalle grandi potenze. Ritorno e pranzo in ristorante. Proseguimento per Nazca attraverso il più grande e famoso deserto del Perù. Sistemazione in albergo. Cena e pernottamento.

 

4° g. domenica 21 ottobre – Nazca
+

Trasferimento all’aeroporto turistico e partenza per il sorvolo con piccoli aerei delle Linee di Nazca, enormi disegni geometrici tracciati nel deserto e visibili solo dall'alto. Scoperti casualmente nel 1927, e oggetto di approfonditi studi e ricerche, supportati da varie teorie e interpretazioni che rimangono tuttora controverse e avvolte nel mistero. Si tratta dei famosi disegni di animali come la balena, il colibrì, la scimmia, l'astronauta, ed altri come triangoli o rettangoli dalla forma perfetta, oppure linee rette che attraversano il deserto per vari chilometri (il sorvolo sarà con piccoli aerei 6/10 posti-durata 40 min.circa con virate e piccole evoluzioni per poter ammirare le forme geometriche). Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio tempo a disposizione. Cena e pernottamento in hotel.

5° g. lunedì 22 ottobre - Nazca/Camanà/Arequipa
+

Trasferimento ad Arequipa, attraversando un paesaggio di straordinaria bellezza, caratterizzato prima dal deserto e poi da profondi cañyon, fino ad arrivare alla "città adagiata nella terra dei vulcani", chiamata "città bianca" per il colore delle sue case, costruite Con il "sillar", luminosi blocchi di pietra vulcanica. Arrivo dopo circa 10 ore con soste durante il tragitto ed il pranzo. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

6° g. martedì 23 ottobre - Arequipa
+

Visita della città di Arequipa. Centro della città è la Plaza de Armas, circondata da portici ed ornata da palme, fiori e da una fontana centrale. Un lato della piazza è occupato dalla Cattedrale, con la facciata neoclassica, e l'interno piuttosto austero. Nell'angolo sud-orientale si visiterà la Chiesa della Compañia di Gesù, una delle più antiche di Arequipa, degna di nota per la sua facciata riccamente ornata. Proseguimento con la visita del Monastero di Santa Catalina, una delle strutture architettoniche religiose più affascinanti del Perù. Al termine, visita del Museo Santuario Andino, unico nel suo genere che ospita manufatti ritrovati nelle tombe Inca oltre alle spoglie congelate di Juanita, conosciuta come "la principessa di ghiaccio": mummia di una bambina di circa 13 anni sacrificata agli dei, circa 500 anni fa sulla vetta del vulcano Ampato. Pranzo libero. Ritorno in hotel. Cena e pernottamento.

7° g. mercoledì 24 ottobre - Arequipa / Cuzco
+

Trasferimento in Aeroporto. Partenza con volo di linea per Cuzco. All’arrivo visita della città di Cuzco, adagiata in una fertile vallata, che ha avuto un ruolo fondamentale per la civiltà incaica, dal 1200 sino a metà del 1500: centro dell'Impero, luogo sacro, caput-mundi, misura delle cose, delle idee e del potere, non a caso chiamata "ombelico del mondo". Si parte dal centro, con la Plaza de Armas, si presenta con un lato occupato dalla Cattedrale, edificata sulle rovine del palazzo dell'Inca Viracocha, un altro lato occupato dalla chiesa de La Compagnia, la più spettacolare di Cuzco. Proseguimento della visita con il Koricancha e il Convento di Santo Domingo che si erge sopra l'antico tempio degli Incas e molte parti sono integrate o sovrapposte. Proseguimento con una passeggiata attraverso il caratteristico quartiere di San Blas, con i suoi vicoli e botteghe di artigianato locale. Pranzo libero. Nel tardo pomeriggio rientro in hotel. Cena e pernottamento.

 

8° g. giovedì 25 ottobre - Cuzco
+

Partenza per la visita della fortezza di Sacsayhuamàn, situata su una collina a 3 Km a nord dal centro di Cuzco, considerata il capolavoro delle opere di fortificazione militare degli Incas. La fortezza sorge su una collinetta terrazzata, prospiciente un'enorme piazza, protetta da tre ordini di mura sovrapposte e intervallate da terrapieni, che sono la parte meglio conservata e più impressionante della costruzione. Proseguimento con la visita dei siti archeologici di Tambomachay, (che consiste in una vasca cerimoniale in pietra decorata); Puca Pucara, situato di fronte a Tambomachay, il cui nome significa "forte rosso"; e Quenqo, costituito da una grande roccia calcarea interamente scolpita con incisioni simboliche, nella quale sono tracciati i canali a zigzag cui deve il nome, che si ritiene servissero per il sacrificio rituale della chicha o, forse, per farvi scorrere il sangue. Pranzo durante la visita e nel pomeriggio rientro in Hotel. Cena e pernottamento.

9° g. venerdì 26 ottobre - Cuzco / Urubamba
+

Di buon mattino partenza per la visita del sito archeologico di Pisac, cittadella incaica, situata sulla sommità di una collina. Nonostante si tratti di un sito veramente spettacolare, sono pochi i turisti che giungono a visitarla, fatta eccezione la domenica, quando viene allestito nel villaggio sottostante un mercato artigianale. Al termine, proseguimento per la valle del fiume Vilcanota-Urubamba. Visita del sito archeologico di Ollantaytambo, situato al termine della Valle Sacra degli Incas, dove nel 1536 è finita anche l'ultima resistenza degli indios "Quechua" e del loro imperatore Manco-Inca contro gli aggressori spagnoli. Ollantaytambo infatti è una via di mezzo tra una fortezza a protezione della valle, una diga sul fiume, e una cittadina urbanisticamente evoluta. La fortezza si presenta come una serie di terrazzamenti sovrapposti concepiti ed utilizzati per la coltivazione del mais, e di ampie scalinate che salgono verso l'alto. Pranzo in ristorante. Trasferimento nella zona di Urubamba e sistemazione in Hotel. Cena e pernottamento.

10° g. sabato 27 ottobre - Urubamba/Machu Picchu/Cuzco
+

Di buon mattino trasferimento alla stazione ferroviaria di Ollantaytambo. Partenza con il treno turistico che, costeggiando il fiume Urubamba, arriva alla stazione di Aguas Calientes, da dove si proseguirà con pullmini, attraverso una ripida strada sterrata, fino a Machu Picchu. Visita del più famoso e misterioso sito archeologico esistente, comunemente chiamato la "città perduta degli Incas". Machu Picchu è una città avvolta nel mistero, in quanto non si conosce ancora a quale scopo fu edificata. La vegetazione esuberante e impenetrabile che la circonda non fa che accrescere la bellezza e il mistero delle sue rovine e delle sue imponenti mura di pietra. Le costruzioni si inseriscono armoniosamente in un paesaggio montuoso, angusto e difficilmente accessibile evidenziando l'abilità architettonica degli Inca. La cittadella si trova a 2400 mt. sul livello del mare tra due montagne. Pranzo. Trasferimento sempre con i pullmini alla stazione ferroviaria di Aguas Calientes. Partenza con il treno turistico che, attraversa la famosa Valle degli Inca e arrivo alla stazione di Poroy e proseguimento in pullman a Cuzco. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

11° g. domenica 28 ottobre - Cuzco / Lima / Madrid
+

Mattinata a disposizione per eventuali ultime visite e acquisti. Pranzo libero. In tempo utile trasferimento in aeroporto. Operazioni d’imbarco e partenza con volo di linea per Lima. Proseguimento con il volo per Madrid. Pernottamento a bordo.

 

12° g. lunedì 29 ottobre - Madrid / Bologna
+

Arrivo a Madrid nel pomeriggio e volo in coincidenza per Bologna.

APRI
CHIUDI
Condividi questa idea di viaggio con chi vuoi
CONDIVIDI CON
PROGRAMMA VIAGGIO
1° g. giovedì 18 ottobre - Italia/Lima
+

Partenza da Bologna con voli di linea Iberia per Lima via Madrid. Arrivo a Lima e disbrigo delle formalità doganali. Trasferimento in Hotel. Cena e pernottamento.

2° g. venerdì 19 ottobre - Lima
+

Mattinata dedicata alla visita di Lima, adagiata in modo disordinato ai margini del deserto costiero, città affascinante e di grandi contrasti. Fondata da Francisco Pizarro il 6 Gennaio 1535, venne chiamata la "città dei Re". Ebbe una crescita molto rapida e all'inizio dell'epoca coloniale era senza dubbio il centro più ricco e importante del continente. La situazione cambiò rapidamente quando un terribile terremoto la distrusse quasi totalmente nel 1746. La visita inizia con il centro storico, in particolare la Plaza de Armas, fiancheggiata dagli edifici più importanti dell'epoca coloniale, l'austera Cattedrale con la tomba del "conquistador" Francisco Pizzarro, il convento di Santo Domingo, dichiarato patrimonio culturale dell'umanità, che conserva i resti dei santi patroni di Lima. Pranzo. A seguire visita del Museo Archeologico, considerato uno dei musei più completi di tutto il Perù per la raccolta di tessuti, metalli, ceramiche, offerte funerarie delle varie epoche Moche, Chimù, Wari, Lambayeque, Nazca ed Inca. Ritorno in Hotel. Cena e pernottamento.

3° g. sabato 20 ottobre - Lima/Paracas/Nazca
+

Partenza in direzione sud alla volta della Riserva Nazionale di Paracas, attraversando il più grande paesaggio desertico peruviano, caratterizzato da gigantesche dune di sabbia. All’arrivo imbarco sul battello e partenza per la visita delle Isole Ballestas, dette anche "le Galapagos del Perù" (condizioni climatiche e del mare permettendo) a circa 10 miglia dalla costa, che si raggiungono con un'ora di barca da Paracas. Durante la navigazione si potrà ammirare il grandioso Candelabro, scavato in un'enorme duna di sabbia. Le Isole Ballestas, fanno parte dell'arcipelago delle isole "Chincha" o "isole dei guaneros", nome che indica sia gli uccelli che vi depositano tonnellate del prezioso fertilizzante, sia i lavoratori addetti alla raccolta. Per il guano, già usato dagli Incas per fertilizzare i loro campi, in Perù e in Cile sono state combattute vere e proprie guerre economiche, commerciali e militari, perchè per molti anni è stato una vera e propria ricchezza nazionale contesa dalle grandi potenze. Ritorno e pranzo in ristorante. Proseguimento per Nazca attraverso il più grande e famoso deserto del Perù. Sistemazione in albergo. Cena e pernottamento.

 

4° g. domenica 21 ottobre – Nazca
+

Trasferimento all’aeroporto turistico e partenza per il sorvolo con piccoli aerei delle Linee di Nazca, enormi disegni geometrici tracciati nel deserto e visibili solo dall'alto. Scoperti casualmente nel 1927, e oggetto di approfonditi studi e ricerche, supportati da varie teorie e interpretazioni che rimangono tuttora controverse e avvolte nel mistero. Si tratta dei famosi disegni di animali come la balena, il colibrì, la scimmia, l'astronauta, ed altri come triangoli o rettangoli dalla forma perfetta, oppure linee rette che attraversano il deserto per vari chilometri (il sorvolo sarà con piccoli aerei 6/10 posti-durata 40 min.circa con virate e piccole evoluzioni per poter ammirare le forme geometriche). Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio tempo a disposizione. Cena e pernottamento in hotel.

5° g. lunedì 22 ottobre - Nazca/Camanà/Arequipa
+

Trasferimento ad Arequipa, attraversando un paesaggio di straordinaria bellezza, caratterizzato prima dal deserto e poi da profondi cañyon, fino ad arrivare alla "città adagiata nella terra dei vulcani", chiamata "città bianca" per il colore delle sue case, costruite Con il "sillar", luminosi blocchi di pietra vulcanica. Arrivo dopo circa 10 ore con soste durante il tragitto ed il pranzo. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

6° g. martedì 23 ottobre - Arequipa
+

Visita della città di Arequipa. Centro della città è la Plaza de Armas, circondata da portici ed ornata da palme, fiori e da una fontana centrale. Un lato della piazza è occupato dalla Cattedrale, con la facciata neoclassica, e l'interno piuttosto austero. Nell'angolo sud-orientale si visiterà la Chiesa della Compañia di Gesù, una delle più antiche di Arequipa, degna di nota per la sua facciata riccamente ornata. Proseguimento con la visita del Monastero di Santa Catalina, una delle strutture architettoniche religiose più affascinanti del Perù. Al termine, visita del Museo Santuario Andino, unico nel suo genere che ospita manufatti ritrovati nelle tombe Inca oltre alle spoglie congelate di Juanita, conosciuta come "la principessa di ghiaccio": mummia di una bambina di circa 13 anni sacrificata agli dei, circa 500 anni fa sulla vetta del vulcano Ampato. Pranzo libero. Ritorno in hotel. Cena e pernottamento.

7° g. mercoledì 24 ottobre - Arequipa / Cuzco
+

Trasferimento in Aeroporto. Partenza con volo di linea per Cuzco. All’arrivo visita della città di Cuzco, adagiata in una fertile vallata, che ha avuto un ruolo fondamentale per la civiltà incaica, dal 1200 sino a metà del 1500: centro dell'Impero, luogo sacro, caput-mundi, misura delle cose, delle idee e del potere, non a caso chiamata "ombelico del mondo". Si parte dal centro, con la Plaza de Armas, si presenta con un lato occupato dalla Cattedrale, edificata sulle rovine del palazzo dell'Inca Viracocha, un altro lato occupato dalla chiesa de La Compagnia, la più spettacolare di Cuzco. Proseguimento della visita con il Koricancha e il Convento di Santo Domingo che si erge sopra l'antico tempio degli Incas e molte parti sono integrate o sovrapposte. Proseguimento con una passeggiata attraverso il caratteristico quartiere di San Blas, con i suoi vicoli e botteghe di artigianato locale. Pranzo libero. Nel tardo pomeriggio rientro in hotel. Cena e pernottamento.

 

8° g. giovedì 25 ottobre - Cuzco
+

Partenza per la visita della fortezza di Sacsayhuamàn, situata su una collina a 3 Km a nord dal centro di Cuzco, considerata il capolavoro delle opere di fortificazione militare degli Incas. La fortezza sorge su una collinetta terrazzata, prospiciente un'enorme piazza, protetta da tre ordini di mura sovrapposte e intervallate da terrapieni, che sono la parte meglio conservata e più impressionante della costruzione. Proseguimento con la visita dei siti archeologici di Tambomachay, (che consiste in una vasca cerimoniale in pietra decorata); Puca Pucara, situato di fronte a Tambomachay, il cui nome significa "forte rosso"; e Quenqo, costituito da una grande roccia calcarea interamente scolpita con incisioni simboliche, nella quale sono tracciati i canali a zigzag cui deve il nome, che si ritiene servissero per il sacrificio rituale della chicha o, forse, per farvi scorrere il sangue. Pranzo durante la visita e nel pomeriggio rientro in Hotel. Cena e pernottamento.

9° g. venerdì 26 ottobre - Cuzco / Urubamba
+

Di buon mattino partenza per la visita del sito archeologico di Pisac, cittadella incaica, situata sulla sommità di una collina. Nonostante si tratti di un sito veramente spettacolare, sono pochi i turisti che giungono a visitarla, fatta eccezione la domenica, quando viene allestito nel villaggio sottostante un mercato artigianale. Al termine, proseguimento per la valle del fiume Vilcanota-Urubamba. Visita del sito archeologico di Ollantaytambo, situato al termine della Valle Sacra degli Incas, dove nel 1536 è finita anche l'ultima resistenza degli indios "Quechua" e del loro imperatore Manco-Inca contro gli aggressori spagnoli. Ollantaytambo infatti è una via di mezzo tra una fortezza a protezione della valle, una diga sul fiume, e una cittadina urbanisticamente evoluta. La fortezza si presenta come una serie di terrazzamenti sovrapposti concepiti ed utilizzati per la coltivazione del mais, e di ampie scalinate che salgono verso l'alto. Pranzo in ristorante. Trasferimento nella zona di Urubamba e sistemazione in Hotel. Cena e pernottamento.

10° g. sabato 27 ottobre - Urubamba/Machu Picchu/Cuzco
+

Di buon mattino trasferimento alla stazione ferroviaria di Ollantaytambo. Partenza con il treno turistico che, costeggiando il fiume Urubamba, arriva alla stazione di Aguas Calientes, da dove si proseguirà con pullmini, attraverso una ripida strada sterrata, fino a Machu Picchu. Visita del più famoso e misterioso sito archeologico esistente, comunemente chiamato la "città perduta degli Incas". Machu Picchu è una città avvolta nel mistero, in quanto non si conosce ancora a quale scopo fu edificata. La vegetazione esuberante e impenetrabile che la circonda non fa che accrescere la bellezza e il mistero delle sue rovine e delle sue imponenti mura di pietra. Le costruzioni si inseriscono armoniosamente in un paesaggio montuoso, angusto e difficilmente accessibile evidenziando l'abilità architettonica degli Inca. La cittadella si trova a 2400 mt. sul livello del mare tra due montagne. Pranzo. Trasferimento sempre con i pullmini alla stazione ferroviaria di Aguas Calientes. Partenza con il treno turistico che, attraversa la famosa Valle degli Inca e arrivo alla stazione di Poroy e proseguimento in pullman a Cuzco. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

11° g. domenica 28 ottobre - Cuzco / Lima / Madrid
+

Mattinata a disposizione per eventuali ultime visite e acquisti. Pranzo libero. In tempo utile trasferimento in aeroporto. Operazioni d’imbarco e partenza con volo di linea per Lima. Proseguimento con il volo per Madrid. Pernottamento a bordo.

 

12° g. lunedì 29 ottobre - Madrid / Bologna
+

Arrivo a Madrid nel pomeriggio e volo in coincidenza per Bologna.

VEDI DETTAGLIO COMPLETO
CHIUDI DETTAGLIO GIORNI
STAMPA
SCARICA PDF
RICHIEDI INFORMAZIONI
Compila il modulo. Verrai ricontattato da un nostro operatore.

Nome

Cognome

Località

Recapito telefonico

Indirizzo email

 Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali

captcha
Inserire il codice
ALTRE PROPOSTE CHE POTREBBERO INTERESSARTI