Notizie

La gestione dei viaggi umanitari tra Imprese italiane & Cooperazione Internazionale

Il settore privato del profit avrà un ruolo sempre più importante e decisivo nella cooperazione internazionale per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. Competenze tecniche, risorse umane e finanziarie, sono il punto di partenza per sostenere la crescita inclusiva e lo sviluppo sostenibile; da qui il nome di Business for Good.

 

In Italia, le imprese possono intraprendere il percorso di partnership nella cooperazione allo sviluppo a seguito dell’approvazione della legge 125/2014. l’Agenzia per la Cooperazione allo Sviluppo ha messo a disposizione strumenti “ad hoc” per finanziare iniziative imprenditoriali nei paesi interessati. Open Cooperazione, progetto in web che opera nella promozione della trasparenza delle ONG, le associazioni no profit, si fa promotore dell’iniziativa di questo nuovo sviluppo, auspicando visibilità, partecipazione da parte dell'opinione pubblica, dei media e delle istituzioni. Nell'invito a fare sistema, si valorizzano quelle aziende che hanno iniziato il percorso di partenariato allo scopo di costruire una rete di connessione e condivisioni.

 

In questo contesto, la collaborazione di un altro "attore", il consulente specializzato per i viaggi umanitari, può essere un’opportunità per l’Azienda partner; ricevere agevolazioni e benefici sui servizi di biglietteria aerea ed ancillari. Un aiuto economico preferenziale nella realizzazione del progetto sostenuto.

 

Altro valore aggiunto per l’impresa, è quello di conoscere da vicino la realtà della comunità, di avere il vantaggio di visitare il progetto ed entrare ancora più in contatto con lo spirito della mission. Alla visita del luogo, dove opera l’Associazione, si possono abbinare escursioni organizzate di approfondimento. Un supporto professionale, una garanzia per i partecipanti e per chi si dedica alle attività della cooperazione internazionale.

 

Nazzareno Venturi